Blog

New Interview

New Interview

 

A PROPOSITO DI MUSICA, HAI UN NUOVO CD IN USCITA . CE NE PARLI?
Si intitola “Incontri” ed è stato realizzato insieme ai maestri Armando Corsi e Mario Arcari. Tutto è nato dall’incontro con Armando nel 2017. Come sottotitolo ho creato una piccola poesia che racchiude i titoli del cd: “Ah l’amore l’amore, Tu Verras, Cosa Non Farei, se non avessi La Voix de une guitare, visto che, Un’Estate fa, Ho Capito che Ti amo, Senza Fine, nel mio Jardin d’hiver… sapendo bene cosa sia Vivre pour Vivre…. cogliendo Forbidden Fruit… con quella scanzonata atmosfera da Paris Canaille… serbando il ricordo dell’eco lontano del Canto del Servo Pastore”.

I Ricordi di Paola, Nipote della Grande Mariangela Melato e Store Manager a Monte Carlo

Paola, figlia di Ermanno Melato, fratello della grande attrice Mariangela Melato, è store manager a Monaco ed appassionata di canto

di Angela Valenti Durazzo – Lavora nel Principato di Monaco Paola, nipote di Mariangela Melato, attrice italiana scomparsa nel 2013. Donna di spettacolo eclettica che ha calcato le scene teatrali, cinematografiche e televisive, con personaggi come Dario Fo, Luchino Visconti e lavorato con registi come Pupi Avati e Lina Wertmüller. A lei si devono ruoli e personaggi femminili indimenticabili come quello recitato nella commedia di Eduardo de Filippo Filumena Marturano”, nell’“Orestea” teatrale di Luca Ronconi, in “Oggetti smarriti” di Giuseppe Bertolucci, in Mimì metallurgico ferito nell’onore” e in Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto”.

Per la biografia della grande attrice italiana si veda:

http://www.treccani.it/enciclopedia/mariangela-caterina-melato_%28Dizionario-Biografico%29/

Abbiamo rivolto, essendo trascorsi oramai quattro anni dalla scomparsa dell’attrice, qualche domanda a Paola Melato, figlia del fratello Ermanno e store manager nella boutique Stuart Weitzman al Metropole Shopping Center di Monte Carlo, ma anche appassionata di canto e spesso impegnata in serate musicali.

Paola cosa ti viene in mente più spesso della zia Mariangela?

Mi vengono in mente cose di quando ero bambina. Ogni volta che veniva a trovarmi a Milano mi portava qualcosa. Non regali importanti ma gadget, che mi dimostravano il pensiero che aveva per me. Il primo walkman me lo regalò proprio la zia Mariangela quando avevo 12-13 anni. Era stata in America e ricordo benissimo che era dentro ad un astuccio di pelle blu.

C’era sintonia fra voi?

Si, questa è una cosa di cui mi sono resa conto soprattutto adesso, era protettiva con me, anche se poi era sempre sulle scene. Ed io amavo ed ero attratta da questo suo fascino dettato, oltre che dalla bellezza, dalla personalità, da un certo modo di non essere diva. Era un’anti diva, una donna molto forte. Di lei era molto conosciuto il personaggio ma non ha mai voluto far sapere molto di sé.

Apprezzavi Mariangela Melato anche come attrice, ne eri orgogliosa?

Molto. Ricordo quando andai ad un suo spettacolo teatrale per poterla salutare, mi presentò a Pupi Avati. Ricordo ancora quando a 24 anni andai a vederla ad una rappresentazione teatrale a Modena e lei mi abbracciava e baciava di fronte a tutti ed io pensavo con orgoglio “avete visto? Questa è la mia zia!”.

MEDIAS

Paola Melato

Istantanee di donna a Ventimiglia

Al Museo Rossi teatro e musica

Sabato 9 marzo, come cornice i saloni sul mare del Museo archeologico G.Rossi, « Istantanee di donne » per ricordare la festa internazionale delle donne tra teatro e musica d’autore. Ideazione e regia di Lilia De Apollonia, interpreti il suo gruppo « Reading & drama », un viaggio ironico e surreale tra monologhi, fiabe, umorismo raffinato e note, a rievocare atmosfere anni ’50 e ’60. L’ideatrice vuole rendere omaggio ad una delle dame del teatro italiano, grande donna di spettacolo: Franca Valeri, che si sposò con Vittorio Caprioli proprio a Ventimiglia, come lei ricorda in uno dei suoi libri. Oltre alla Valeri, 2 fiabe di Andersen e un duetto da Achille Campanile per sei attori; la voce che interpreterà le melodie è quella di Paola Melato, nipote della grande Mariangela, sarà accompagnata da un virtuoso chitarrista; l’appuntamento è una novità particolare, nei saloni sotterranei a picco sul mare, nella sede del Museo archeologico- Forte dell’Annunziata. « Istantanee di donne » , omaggio a Franca Valeri, con musica dal vivo, h 17 sabato 9, sarà preceduto, a cura degli studenti del Liceo Aprosio, h 16, da un tour storico nelle sale museali; visita e spettacolo ad entrata libera, patrocinato dal comune e dall’assessorato pari opportunità.